Il Counseling Interpersonale – in inglese Interpersonal Counseling (IPC) – è un adattamento della Psicoterapia Interpersonale sviluppato negli anni ‘80 da Myrna Weissman e Gerald Klerman per il distress psicologico che si osserva nelle cure primarie. Questo approccio è stato poi rivisto e aggiornato nel 2000 e nel 2012 in risposta alla crescente domanda di interventi psicosociali in contesti non specialistici. Tuttavia il contenuto e la struttura non si sono modificati in maniera rilevante mentre sono stati studiati formati di durata diversa per aumentarne la flessibilità.

La forma più utilizzata di IPC prevede 6 incontri a cadenza settimanale della durata di 30 minuti; il primo incontro può essere più lungo considerando la necessità di valutazione dei sintomi. L’IPC è suddiviso in 3 fasi:

Prima fase: le prime due sedute sono dedicate alla disamina dei sintomi depressivi presenti, ad identificare l’area interpersonale (focus) su cui lavorare e a definire il contratto terapeutico. Il terapeuta utilizza un modello medico per spiegare la depressione con l’obiettivo di ridurre il senso di colpa e di permettere al paziente di assumere il ruolo di malato. Successivamente vengono approfondite le relazioni interpersonali presenti e passate per inserire la depressione nel contesto sociale del paziente.

Seconda fase: il paziente viene aiutato a formulare una strategia per affrontare in maniera più adattiva l’area interpersonale prescelta, compiendo un’esplorazione generale del focus e mettendo a fuoco le sue aspettative e le sue percezioni; viene poi effettuata un’analisi delle possibili alternative (brain storming) e sono messi in pratica tentativi di migliorare le modalità comunicative e di utilizzare nuovi comportamenti (analisi della comunicazione, role playing e homework).

Incontro conclusivo: viene effettuata una rassegna dei progressi compiuti dal paziente, con particolare attenzione al miglioramento della sintomatologia, del funzionamento sociale e delle relazioni interpersonali.

Ad oggi IPC è stato testato in numerosi studi nel contesto delle cure primarie e in alcuni reparti di medicina, in ambito oncologico e cardiologico su pazienti con depressione maggiore, depressione sotto-soglia e distress psicologico. I risultati di questi studi, nel loro complesso, dimostrano che IPC può ridurre in maniera significativa i sintomi depressivi e il distress oltre che migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Bibliografia essenziale

Badger TA, Segrin C, Figueredo AJ, Harrington J, Sheppard K, Passalacqua S, Pasvogel A, Bishop M. Psychosocial interventions to improve quality of life in prostate cancer survivors and their intimate or family partners. Quality of Life Research 2011 Aug;20(6):833-44.

Holmes A, Hodgins G, Adey S, Menzel S, Danne P, Kossman T., Judd F. Trial of interpersonal counselling after major physical trauma. The Australia and New Zealand Journal of Psychiatry 2007; 41(11), 926-933.

Judd FK, Piterman L, Cockram AM, McCall L, Weissman MM. A comparative study of venlafaxine with a focused education and psychotherapy program versus venlafaxine alone in the treatment of depression in general practice. Human Psychopharmacology: Clinical and Experimental 2001; 16(5), 423-428.

Klerman, GL, Budman S, Berwick D, Weissman MM, Damico-White J, Demby A, Feldstein M. Efficacy of a brief psychosocial intervention for symptoms of stress and distress among patients in primary care. Medical Care 1987; 25(11): 1078-88.

Menchetti M, Rucci P, Bortolotti B, Bombi A, Scocco P, Kraemer H, Berardi D and the DEPICS Study Group. Moderators of remission with Interpersonal counseling or SSRI in depressed primary care patients. The DEPICS randomized controlled trial. British Journal of Psychiatry 2014.

Mossey JM, Knott KA, Higgins M, Talerico K. Effectiveness of a psychosocial intervention, interpersonal counseling, for subdysthymic depression in medically ill elderly. J Gerontol A Biol Sci Med Sci 1996; 51: M172-M178.

Neugebauer R, Kilne J, Markowitz JC, Bleiberg KL, Baxi L, Rosing MA, Keith J. Pilot randomized controlled trial of interpersonal counseling for subsyndromal depression following miscarriage. Journal of Clinical Psychiatry 2006; 67(8): 1299-304.

Oranta O, Luutonen S, Salokangas RKR, Vahlber T, Leino-Kilpi H. The outcomes of interpersonal counselling on depressive symptoms and distress after myocardial infarction. Nordic Journal of Psychiatry 2010; 64(2): 78-86.

Weissman, MM, Markowitz, JC, & Klerman, GL. Comprehensive guide to interpersonal psychotherapy. New York: Basic Books 2000.

Weissman, MM, Verdeli H. Interpersonal psychotherapy: Evaluation, support, triage. Clinical Psychology & Psychotherapy 2012; 19(2): 106-12.